AMORI MIEI

15.00

Per chi conosce la poetica di Franco Piol – così come il suo stile, il suo linguaggio, gli ideali che trasudano dalle sue opere –
parrà audace, azzardato e quasi “osceno” qualsivoglia accostamento tra l’autore del libro che state tenendo in mano e il Vate, Gabriele d’Annunzio. Cosa c’entrano i versi altisonanti e tronfi del pescarese con quelli leggiadri e umili dell’autore romano? Com’è possibile mettere a paragone l’universo valoriale del fonosimbolista (fatto di sapori decadenti, ricercatezza estrema e algida aristocraticità) con quello di Piol (sempre dalla parte degli ultimi e intento a celebrare le piccole cose)?
Sembrerebbe impossibile, è vero.
Eppure – non me ne voglia l’autore di Amori miei –, c’è un aspetto che, a mio avviso, balza prepotentemente all’attenzione leggendo questa sua ultima silloge di poesie e che fa tornare alla mente, senza via di fuga, uno dei più conosciuti tratti delle liriche di d’Annunzio: il panismo. No, siamo lontani dalla megalomane trasformazione in natura (o, meglio, Natura, con la “n” maiuscola) che il Vate opera proprio ne La pioggia del pineto, ovvero quella vera e propria metamorfosi della carne (tanto dileggiata da Pirandello in una delle sue composizioni più riuscite, Meriggio) che porta l’abruzzese a far entrare il resto del creato dentro di sé, e a diventare creato egli stesso; e, ancora, siamo distanti anni luce dall’Übermensch, dal Superuomo che nasce da una tale fusione tra umano e ambiente circostante, di cui la critica ha tanto discusso negli ultimi 150 anni. Eppure, eppure…
Eppure, credo di poter affermare con un certo grado di sicurezza, del panismo – nella opera omnia di Piol e, più specificamente, in questa raccolta – c’è. Ma si tratta di un panismo di tutt’altro genere da quello che studiamo a scuola. Colui che dice “io” in Amori miei, infatti, non si unisce carnalmente alla natura, non trascende la sua umanità per arrivare a un livello superiore del suo essere sulla Terra, non vive egoisticamente il suo contatto col resto del mondo. Colui che dice “io” in Amori miei, al contrario, opera un panismo affettivo, emotivo, sentimentale. Colui che dice “io” in Amori miei, appunto, si fa carico del Male cosmico, del dolore universale, della sofferenza dei suoi, dei nostri avi, ne esperisce fisicamente l’afflizione, tentando poi di lenire ferite che sono senza tempo, ancestrali quasi, con l’unica formula che conosce: l’amore.
(Dall’introduzione di Selene Gagliardi)

Categoria: Tag:

Informazioni aggiuntive

Autore

Franco Piol

Pagine

96

ISBN

9788864024387

Ti potrebbe interessare…